Fondazione Goria


Presentazione Libro 
"Oggi sono felice ma anche un po' triste"

15 Dicembre 2013
Biblioteca Astense



 


Fondazione Goria Convegno

   

Non un libro per bambini, ma un libro fatto dai bambini da leggere insieme a mamma e papà, un tenero viaggio nel mondo delle emozioni dei più piccoli.

Questo è l’aspetto fondamentale del libro “Oggi sono felice ma anche un po’ triste” presentato domenica 15 dicembre presso la Biblioteca astense. Il libro nasce, per volontà della Fondazione Giovanni Goria, dal progetto biennale “Come stai Oggi?”, condotto dallo psicologo Marco Barra, che si inserisce nel grande patrimonio delle ricerche del “Master dei Talenti della Società Civile”, bando che dal 2009 ha assegnato quasi 500 borse di ricerca, promosso da Fondazione Goria e Fondazione Crt.

Carlo Cerrato, Segretario della Fondazione Goria, ha coordinato questa piacevole presentazione, introducendo Marco Barra che ha spiegato al pubblico il progetto “che ha coinvolto in due anni un campione di 5.795 bambini a cui è stato chiesto di rappresentarsi attraverso il disegno in varie situazioni. Tra gli obiettivi della ricerca c’era il volere individuare i principali indicatori di benessere e malessere evidenziati dai minori. Il libro nato da questa esperienza si propone, proprio grazie al materiale realizzato dai bambini e al percorso di lettura, di dare voce alle esperienze e ai punti di vista dei più piccoli, ponendosi come strumento di relazione con la finalità di aiutare i genitori a capire sé stessi e i propri figli su “cosa li fa stare bene e cosa li fa stare male”. L’editore, Patrizia Zerbi di Carthusia Edizioni ha raccontato al pubblico una storia nella storia. “La nascita di questo libro, è stata una scommessa.
Il progetto di Marco Barra ci ha subito interessato per la sua capacità di essere d’aiuto ai genitori nel comprendere meglio gli stati d’animo dei propri bambini, che a volte non sono così semplici da identificare come invece può pensare l’adulto. Questi disegni dovevano diventare storia, una prova difficile che credo sia stata bene affrontata da tutto il team di lavoro, in particolare dalla scrittrice Manuela Nava che ha cucito insieme i disegni con un filo magico, un poetico dialogo tra genitore e figlio che si tengono per mano nell’esplorazione dei propri sentimenti. Il libro contiene tre livelli narrativi, ognuno fondamentale e complementare all’altro: il racconto scritto da Emanuela Nava, i disegni e le descrizioni che di essi offrono i piccoli autori, volutamente riportate letteralmente, convinti che anche i piccoli errori siano utili per entrare meglio in contatto con il loro mondo.

E’ un libro che non c’era, per questo la nostra soddisfazione è ancora più grande.” Durante la presentazione, l’autrice dei testi, Emanuela Nava, ha letto la storia che ha scritto per “Oggi sono felice ma anche un po’ triste”, traghettando, con la sua voce, il pubblico verso il mondo delle emozioni dei più piccoli. “…Capita anche a te che sei grande di essere triste, vero? Sì, a volte sono triste. Ma sei anche felice? Sì sono anche felice. Da cosa dipende, lo sai? Forse siamo felici quando siamo liberi di sognare e tristi quando siamo prigionieri delle nostre paure...” Giorgio Faletti, Presidente della Biblioteca Astense, dopo avere salutato i presenti, ha ricordato “come i bambini siano l’unica cosa che ci permette di imbrogliare il tempo e che in fondo il modo di sentire quelle emozioni rimanga dentro ciascuno di noi.
“Ricollegandosi a un disegno di un bambino che si rappresenta sul campo da calcio, ha sottolineato come il linguaggio espressivo dei bambini venga spesso riutilizzato dai grandi, citando come esempio, la canzone di Roberto Vecchioni “Sei nel mio cuore”, in cui il professore dice alla donna che è nel suo cuore: “sei come la sua mia squadra che ha segnato un calcio di rigore”, dicendo che la semplicità di queste parole rappresenta in realtà un’immagine potente e immediatamente chiara, tipica dell’universo espressivo infantile.”

Hanno concluso l’incontro, le parole di Marco Goria, che ha ricordato come questo insieme di disegni e racconti possa diventare un piccolo vocabolario espressivo delle emozioni dei bambini, augurandosi che possa essere d’aiuto ai genitori per ascoltare le voci dei propri figli e sapere leggere meglio i loro stati d’animo. Marco Goria ha inoltre sottolineato che una parte dei fondi ricavati dalla vendita del libro verrà devoluto all’Associazione Bianca Gravaglia Onlus che si occupa di aiutare e sostenere iniziative nel campo dei tumori infantili e un’altra parte servirà per realizzare un piccolo spazio giochi per i bambini nel centro di Asti.

Il tutto in memoria del piccolo Stefano Gabbiano, scomparso prematuramente a soli sei anni.
(Per avere il libro è possibile contattare la Fondazione Giovanni Goria allo 0141-231496.)

 

Sono intervenuti

Carlo Cerrato
Segretario Generale della Fondazione Goria e coordinatore dell'evento

Marco Barra
Psicologo e autore del progetto "Come stai oggi?"

Patrizia Zerbi
Carthusia Editore

Emanuela Nava
Autrice dei testi

Giorgio Faletti
Presidente della Biblioteca Astesnse

Marco Goria
Presidente della Fondazione Goria

 

Questo sito utilizza cookies tecnici per garantire il servizio e cookies di terze parti per analisi sul traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Visualizza la nostra Privacy Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information