Fondazione Goria

Incontro con Don Luigi Ciotti
“Gli effetti della Crisi sulla criminalità”

07 Febbriao 2014
Pala San Quirico, Asti


Fondazione Goria Convegno


Un Pala San Quirico gremito di studenti delle Scuole secondarie Superiori ha ascoltato attento Don Luigi Ciotti sul tema.
“Gli effetti della Crisi sulla criminalità” L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Giovanni Goria in collaborazione con il Provveditorato agli Studi - Ufficio Scolastico Provinciale.

Carlo Cerrato, Segretario della Fondazione Giovanni Goria, organizzatrice dell’evento ha coordinato un accorato ed entusiasta Don Ciotti che partendo dalle parole del Magistrato Antonino Caponnetto “La mafia teme più la scuola che la giustizia” ha parlato ai giovani di criminalità e di come ognuno di noi nel suo piccolo sia chiamato ad impegnarsi per il bene comune, per fare vincere il NOI.
Don Ciotti ha sottolineato con forza “l’importanza di imparare a distinguere per non confondere per non entrare nel vortice delle etichette e nel bombardamento delle cose che non vanno, bisogna sapere cogliere la positività e scovare il bene per valorizzarlo".

Ha parlato di come ci sia l’esigenza di approfondire e non fermarsi alla superficie delle cose, perché “la cultura taglia l’erba sotto i piedi alla mafia”. Don Luigi Ciotti ha invitato tutti i ragazzi a riflettere insieme sul fatto che di fronte ad atti criminali ed atroci, non basta commuoversi, ma bisogna muoversi, esortandoli all’impegno concreto e quotidiano per “fare fatti e non solo parole”. Don Ciotti “scuote” così le coscienze, sottolineando con forza come ognuno deve farsi carico della propria parte di responsabilità per giocare in una squadra dove non è l’io che vince, ma il noi.
E’ questo “noi consapevole” che deve poi aspettarsi una politica al servizio del bene comune a cui si deve chiedere, perché se la politica non è attenta alla strada e agli ultimi, non è più politica, ma diventa un’altra cosa”.

L’impegno di Don Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e della Rete di Associazioni Libera, si inserisce nel contesto di un Paese, il nostro, che detiene il primato della corruzione. La sua testimonianza, fatta di esperienze e di racconti di vita, ha interessato oltre 1000 studenti che hanno colto questo incontro come una vera e propria occasione formativa. Oltre al Provveditorato agli Studi di Asti, si ringrazia per la collaborazione il Comune di Asti, La Croce Verde, l’Associazione Creative, ASP.

Sono intervenuti

Luigi Ciotti
Fondatore Gruppo Abele e della rete di Associazioni Libera

Marco Goria
Presidente Fondazione Giovanni Goria

Alessandro Militerno
Provveditore agli Studi di Asti
Ufficio Scolastico Provinciale


coordinatore
Carlo Cerrato
Segretario Fondazione Giovanni Goria

 

 

Questo sito utilizza cookies tecnici per garantire il servizio e cookies di terze parti per analisi sul traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Visualizza la nostra Privacy Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information