Fondazione Goria

LA FONDAZIONE GIOVANNI GORIA AL SALONE DEL LIBRO
“TRA MEMORIA E AZIONE PER LO SVILUPPO”

 

12 Maggio 2016
Salone del Libro di Torino



Fondazione Goria Convegno


Azioni per uno sviluppo armonico, finalizzate alla crescita ma anche alla tutela del paesaggio e dei beni comuni in un'ottica di innovazione di prodotto, di comunicazione creativa e di internazionalizzazione.

Questi i temi che la Fondazione Goria ha affrontato al Salone del Libro di Torino. Con il Prof. Sergio Conti, Direttore Scientifico della prima edizione, si è presentata la seconda edizione del Master Universitario di primo livello in Management e creatività dei patrimoni collinari dell'Università degli Studi di Torino.
Nato da un’idea della Fondazione Giovanni Goria, il master si propone di formare una figura professionale nuova, quella del “Maestro di territorio”, capace di coniugare competenze tecniche e umanistiche, promuovendo l’applicazione e la diffusione di conoscenze e competenze legate alla governance, alla conservazione e innovazione del patrimonio culturale.

Prendendo a modello, in modo comparativo, casi di territori collinari a vocazione vitivinicola come Langhe-Roero e Monferrato, Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco dal 2014, il Master investe sulla capacità dei distretti culturali, turistici, produttivi e paesaggistici, di strutturarsi in termini competitivi, oltre che di diffondere un sapere esportabile in contesti diversi sotto forma di pratiche di gestione ad alto contenuto professionale ed organizzativo in imprese di produzione, distribuzione e di servizio.
Sono 10 i ragazzi che partecipano a questa nuova edizione e provengono da quasi tutto il Piemonte. Si è parlato anche delle azioni volte alla valorizzazione del patrimonio artistico con l’Architetto Federica Emanuel, Direttore del progetto “Romanico Monferrato-Un bianco mantello di chiese”.

La Fondazione Goria infatti coordina la comunicazione e la formazione nell’ambito di questo progetto. L’obiettivo del progetto, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, a cui aderiscono 22 Comuni, coordinati da Passerano Marmorito, oltre a GAL Basso Monferrato Astigiano e CNR IMAMOTER, è appunto la valorizzazione di un’area, a nord ovest di Asti, ricca di un patrimonio di beni artistici spesso dimenticati e sconosciuti ai non addetti ai lavori e ricca di potenzialità ancora da scoprire.

 


 

Questo sito utilizza cookies tecnici per garantire il servizio e cookies di terze parti per analisi sul traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Visualizza la nostra Privacy Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information