Fondazione Goria


Fondo Comitato Provinciale Democrazia Cristiana di Asti


Il Comitato provinciale della Democrazia Cristiana di Asti nacque il 27 aprile 1945 nello studio dell'avvocato astigiano Leopoldo Baracco. Nei primi anni Cinquanta i soci del partito comprarono in Viale alla Vittoria quella che poi divenne la storica sede della DC.
Negli anni Novanta, quando il partito si sciolse e si divise in Ccd-Cdu e Partito Popolare, l'archivio rimase nella storica sede, come i due movimenti che convissero nello stesso edificio per qualche anno. Successivamente, il Partito popolare si trasferì e con esso una piccola parte della documentazione, mentre la quasi totalità dell'archivio della Dc confluì dopo varie vicende all'Udc, sede da cui l'archivio fu trasferimento alla Fondazione Goria.
Il fondo è stato ricomposto e acquisito dalla Fondazione Goria nel settembre 2005, grazie all'intervento di Sara Maltoni, ultima segretaria della DC e attuale segretaria dell'Udc, e al dottor Pietro D’Adda, segretario della Margherita, che conservava le carte ereditate dal Partito Popolare.

L’archivio, che una consistenza di circa 12 metri lineari e ricopre un arco temporale che va dal 1944 al 1994, ricostruisce l'attività del Comitato provinciale della DC di Asti e il suo ruolo di collegamento e coordinamento con tutte le sezioni della provincia. Del complesso documentario fanno parte anche i fondi aggregati del Movimento giovanile (1945-1993), del Movimento femminile (1951-1980), del Movimento anziani (1971-1989), della Sezione di Castagnole Lanze - San Bartolomeo (1962-1975).

Nel fondo sono conservati verbali delle riunioni, corrispondenza, pubblicazioni, periodici, appunti, materiale propagandistico, registri dei soci, che testimoniano l'attività della Democrazia Cristiana sul territorio della provincia di Asti dagli anni della Liberazione (aprile 1945) allo scioglimento del partito (1994). Le carte sono state ordinate – secondo una struttura che ricalca quella dell'ente, partendo dai suoi organi e proseguendo con le sue attività – in 13 serie: “Amministrazione”; “Segreteria politica”; “Verbali”; “Direzione provinciale”; “Commissioni”; “Congressi della Democrazia Cristiana”; “Elezioni”; “Sezioni”; “Tesseramento”; “Corsi e convegni”; “Stampa”; “Studi e pubblicazioni”; “Corrispondenza”. I lavori di descrizione e riordino dell’archivio del Comitato provinciale della DC di Asti hanno ottenuto nel gennaio 2008 l’attestazione di regolare esecuzione da parte della Soprintendenza archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta.

Inventario

Questo sito utilizza cookies tecnici per garantire il servizio e cookies di terze parti per analisi sul traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Visualizza la nostra Privacy Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information