venerdì, Giugno 21, 2024

Asti domani

“Asti domani.
Idee per un’economia della coscienza”

Perché scegliere Asti?
Ma, Asti, saprà farsi scegliere?

Questo primo rapporto sulla realtà e le prospettive della nostra città e della nostra Provincia nasce da una serie di interrogativi e non vuole dare delle risposte. Vuole semplicemente offrire una sistematicità a questi ed altri interrogativi che spera di contribuire a suscitare, fornendo al tempo stesso materiali di base da cui partire per approfondire analisi ed elaborare possibili risposte.

È un primo contributo ad un percorso di ricerca che ha l’ambizione di proporsi in una prospettiva innovativa: partire dal territorio per creare premesse di sviluppo non banalmente appiattite sul racconto dell’esistente, ma proiettate in una dimensione di crescita sostenibile, orientata, in misura crescente, verso la dimensione dell’economia della conoscenza.

Questo rapporto è il frutto del lavoro di un gruppo di ricercatori di Frame, ma prende spunto e se n’è arricchito via via, dagli stimoli di un gruppo eterogeneo di persone che hanno dato vita con noi per oltre un anno ad un informale “Laboratorio di idee” originato da un primo tavolo assolutamente trasversale, per età e sensibilità culturali dei partecipanti, avviato nel 2009. Perché una proposta di lavoro di questo genere dalla Fondazione Giovanni Goria? Perché anche questo, riteniamo, è un modo per ricordarne figura e opera.

Gianni Goria è stato, prima che statista, in gioventù, responsabile dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Asti e un protagonista del dibattito locale sullo sviluppo del nostro territorio (sua la prima ricerca socio-economica sul fenomeno delle Cantine Sociali). Erano gli anni in cui si discuteva in Italia di programmazione economica, di fondo di solidarietà in agricoltura, e localmente dell’Autostrada Torino-Piacenza ancora in costruzione, di campagne abbandonate per il lavoro alla Fiat, di industrializzazione incompiuta (Ib-Mei, Ib Mec, Weber).

Quarant’anni dopo, la realtà attorno a noi è cambiata profondamente, ma il rischio declino resta in agguato dietro l’angolo, nonostante l’invidiabile collocazione geografica, nel cuore del Nord Ovest che i cugini alessandrini propongono come la porta d’Europa per l’intero Mediterraneo.

Da queste ed altre considerazioni, l’idea di impegnare l’istituzione culturale che porta il nome di Gianni Goria anche in un progetto di ricerca socio economica di cui questo lavoro è il primo frutto tangibile che si offre come strumento di discussione ed ulteriore approfondimento.
A volte anche i numeri possono rivelare di avere un’anima. Ma lo fanno solo a chi li sa leggere. E poi sa farli vivere, magari qualche volta anche sognando. A noi piace immaginare così la funzione di questo documento, redatto dagli ottimi ricercatori di Frame, coordinati dalla Professoressa Adriana Luciano Direttrice del Dipartimento di Scienze Sociali dell’università di Torino, che ringraziamo.

Noi abbiamo un’idea su cui lavorare. La svilupperemo con le prossime ricerche e con l’apporto di tutti coloro che vorranno fornire suggerimenti. La definiamo qui, semplicemente, “serra creativa”, ossia il luogo, molto più reale di quanto si possa immaginare, per far crescere buoni progetti, “nel” territorio, anche se non necessariamente “dal” territorio, in ossequio al principio ormai affermato secondo cui è possibile agire locale pensando globale.
La “Serra creativa” non è che il passo in avanti logico successivo al “Laboratorio di idee”.

Imprenditori illuminati, artisti, istituzioni ne hanno create di diversi tipi con alterne fortune.

Login to your account below

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist