lunedì, Luglio 22, 2024

Premio Gianni Aimar

Comunicare la montagna – X edizione

Nel 2019, dopo nove edizioni il comitato organizzatore ha deciso all’unanimità di uscire dall’ambito del Monviso e delle Alpi e di abbracciare virtualmente tutta la montagna, rivolgendo lo sguardo agli Appennini, proprio nel segno di “Comunicare la montagna nel suo concetto più ampio”, spirito a cui il Premio è dedicato.

Il ‘Premio Gianni Aimar – Comunicare la montagna’ è stato quindi consegnato, lo scorso 5 aprile, nel Teatro ‘Magda Olivero’ di Saluzzo al cantautore romano Mario Castelnuovo, per il suo impegno intellettuale nel far conoscere e promuovere le terre alte. Recentemente Castelnuovo ha pubblicato il romanzo “La mappa del buio” che, edito da Castelvecchi, racconta di un anziano scrittore in un paese di montagna abitato da ombre e presenze notturne. Inoltre, ha pubblicato il video discografico “Io mi ricordo l’Aquila” nel quale racconta le speranze del dopo terremoto nelle regioni colpite dal cataclisma. Un impegno che pone Castelnuovo tra i comunicatori appassionati e veri della montagna e della vita dei suoi protagonisti.

Durante la serata della X edizione è stato assegnato un ulteriore riconoscimento, per l’impegno verso la montagna e per la diffusione della canzone d’autore, a Marco Stella e Marco Cravero, musicisti liguri, che hanno saputo trasferire in una canzone la figura carismatica di Sandro Pertini, antifascista, esiliato, uomo politico, presidente della Camera dei Deputati e della nostra Repubblica. La loro canzone, intitolata “Mio nonno era Pertini”, è stata utilizzata nella colonna sonora del docufilm su Pertini prodotto e distribuito dal gruppo La Repubblica – L’Espresso. Uomo di grande statura morale e politica, Sandro Pertini era nato a Stella – piccolo comune di montagna dell’entroterra ligure – cui rimase legato per tutta la vita.

La storia del Premio

Soggetti promotori: Fondazione Giovanni Goria, con la collaborazione del Comune di Saluzzo, Fondazione Amleto Bertone, Comuni di Ostana, Oncino, Paesana, Crissolo, Scrittori di Montagna, CAI, UNCEM, Provincia di Cuneo, Comunità Montana Valli del Monviso.

Obiettivo iniziativa: la finalità di questo riconoscimento è premiare chi comunica la montagna, chi con il suo impegno la valorizza cercando di avvicinare ad essa un pubblico più o meno vasto. Premiare chi dedica la propria vita alla valorizzazione del grande patrimonio delle nostre montagne ed il lavoro di chi si spende cercando di incoraggiare le persone alla conoscenza di ciò che rappresenta un bene di tutti.

Perché Gianni Aimar: Gianni Aimar è stato uno stretto collaboratore di Giovanni Goria, con il quale ha collaborato nella realizzazione del logo per la celebrazione del quarantesimo anniversario della Costituzione italiana (1988), logo apparso sull’edizione speciale della costituzione promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 1988. Gianni Aimar scrisse molto, ma in particolare fu scrittore di montagna descrivendola e interpretandola con parole che solo chi vive davvero la montagna sa trovare. La montagna per Gianni è stata una maestra di vita e lui si è sempre rivolto a lei con la stessa devozione di un alunno appassionato, cercando di trasmettere questa sua passione agli altri.

Beneficiari: Comunicatori e appassionati di montagna, cittadinanza e amministratori locali del Saluzzese, associazioni culturali e Soci del CAI.

Utenti. Dalle presenze registrate sul foglio firme, si sono delineate le seguenti tipologie di utenti: soci e vertici del CAI, appassionati di montagna, scrittori di montagna, sindaci del Saluzzese, impiegati comunali, membri di associazioni culturali. A tutte le edizioni del Premio Gianni Aimar l’affluenza è stata talmente alta, tale da esserci persone che non hanno potuto sedersi. Oltre 200 persone ad ogni edizione.

Coloro che hanno ricevuto il ‘Premio Gianni Aimar: comunicare la montagna’ sono stati:

2009   Maurizio Nichetti, regista e direttore artistico “Trento Film Festival”

2010   Marco Paolini, regista, attore, autore

2011   Luca Mercalli, climatologo e meteorologo

2012   Irene Affentranger, scrittrice e alpinista

2013   CAI, Club Alpino Italiano, per i suoi 150 di attività, nella persona del presidente generale Umberto Martini

2014   Roberto Ghidoni, montanaro, sportivo, recordman

2015   Don Luigi Destre, 120 volte in cima al Monviso, 53 messe celebrate in vetta

2017   CNSAS Corpo Nazionale Soccorso Alpino e speleologico, nelle persone del Presidente nazionale Maurizio Dellantonio e del Presidente SAS Piemonte, Luca Giaj Arcota

2018   Bernard e Martin Dematteis, protagonisti mondiali della dura corsa di montagna

2019   Mario Castelnuovo, autore del romanzo “La mappa del buio”.

 

Orari

La consultazione dei documenti, conservati presso l’Archivio di Stato di Asti, avviene nei giorni di apertura dell’archivio, previo appuntamento:

Lunedì, mercoledì, venerdi’: 08,30 – 14,30
Martedì e giovedì: 08,30 – 17,00.

per informazioni:
archivi@fondazionegoria.it

Archivi online

La Fondazione Giovanni Goria, che ha aderito al progetto del Senato della Repubblica “Archivi on line”, ha pubblicato sul sito dedicato al progetto l’inventario del Fondo ‘Giovanni Goria’, rendendo disponibili alla consultazione anche i documenti, riprodotti in formato digitale, delle serie “Attività politica”, “Pensiero politico”, “Fotografie”, “Audiovisivi” e “Varie”.

Login to your account below

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist